titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

A Flobert

Canto di riferimento:  'A Flobert

Venerdì undici di aprile a Sant'Anastasia ad un tratto un rumore ho sentito, quanta paura! Uscivo dal lavoro nemmeno la forza di camminare per la strada domandavo che sarà questo rumore? Alla Masseria dei Romano una fabbrica è scoppiata e la gente che scappava e gli altri che piangevano Chi andava e chi veniva per la paura di nuove esplosioni poi arrivato davanti al cancello madonna, che macello| Volli entrare dentro e mi sentì svenire per terra c'era una testa e il corpo non lo aveva Cammino, e quanta tristezza mi giro e sopra la rete due poveri operai con le carni completamente bruciate Quando arrivano i parenti di quei poveretti piangevano disperati per i loro figli perduti "il figlio mio dove sta? aiutatemi a cercarlo fatelo per pietà deve stare per forza qua" "Signora non urlate che forse s'è salvato e la mamma si butta in terra per cercare di prenderlo Sono stati dodici i morti per le famiglie quanta disperazione uno non s'è trovato povera madre sconsolata Sono arrivate le bare e in chiesa siamo andati per l'ultimo saluto ai compagni sfortunati Con le mani prendiamo tutti questi telegrammi sono lettere di condoglianza mandate per educazione A seppellirli li abbiamo accompagnati con la rabbia in corpo e su questi morti, giuriamo, la dovete pagare E chi va a lavorare persino la morte deve affrontare moriamo uno a uno per colpa di questi padroni Cosa dobbiamo aspettare per condannare questi padroni che ci fanno lavorare con il pericolo di morire Questa gente senza cuore con la bandiera tricolore cerca di riparare tutti gli errori che fa Ma voi non sapete qual'è il nostro dolore coprite con questo tricolore questi dodici lavoratori Ma noi l'abbiamo capito cambiamo questi colori prendiamo questi padroni e mandiamoli affanculo. E con la disperazione di questi fascisti e questi padroni facciamo un grande fuoco E' certamente questo il momento il momento di cambiare la nostra guida è grossa è la bandiera rossa Compagni per lottare non bisogna avere pietà questa è la verità il comunismo e la libertà

Condividi

Strumenti

Scheda della traduzione

Canto di riferimento:  'A Flobert
Lingua originale: 
Lingua traduzione:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30